In Allergeni alimentari, Prodotti ittici

Se si ha un’intolleranza verso l’istamina, è necessario evitare molti alimenti: l’istamina è presente in molti prodotti a base di uova, formaggio, carne e pesce. Se non si vuole rinunciare a mangiare il pesce, ecco come fare per godersi il pasto senza rimpianti.

Le proteine ​​sono una componente fondamentale della nostra alimentazione quotidiana. Sono essenziali per la costruzione di muscoli, cellule, organi, tessuti ed ossa. Inoltre, controllano importanti processi metabolici e supportano il sistema immunitario. Ma troppe proteine ​​possono essere dannose per la salute – soprattutto se si soffre di intolleranza all’istamina. L’istamina è un prodotto naturale di decomposizione dell’istidina. Gli aminoacidi sono i mattoni delle proteine: pertanto, dove sono presenti le proteine, c’è anche l’istamina.

Chi soffre di un’intolleranza all’istamina deve evitare i cibi ad alto contenuto proteico. Questi includono alimenti fermentati come il formaggio a pasta dura, il vino rosso, la birra, l’aceto, i crauti e i prodotti a base di soia. In aggiunta, ci sono altri alimenti che non sono ben tollerati. Questi includono uova, carne, pesce, prosciutto, salsiccia, funghi, pomodori, grano, lievito, noci, spinaci, avocado, banane e agrumi. Circa l’1 per cento della popolazione è colpita; la maggior parte sono donne.

Livelli di istamina nel pesce

L’intolleranza all’istamina è un po’ diversa dalle altre intolleranze alimentari: ci sono alcune indicazioni generali sugli alimenti che sono consentiti o vietati. I livelli di istamina sono soggetti naturalmente a forti oscillazioni. Ad esempio, il pesce appena pescato non contiene praticamente alcuna istamina. Tuttavia, i livelli di istamina aumentano rapidamente durante la conservazione. Quando il pesce finisce sul banco in negozio, può contenere livelli molto elevati di istamina. La freschezza di un prodotto è quindi un fattore chiave. La tabella seguente fornisce una panoramica generale dei livelli di istamina in diversi tipi di pesce:

ProdottoLivelli di istamina
Pesce fresco (esempio salmone, merluzzo carbonaro, scorfano, merluzzo, nasello, hoki, passera, trota, zander)a basso contenuto di istamina
Pesce congelato (anche bastoncini di pesce)a basso contenuto di istamina
Capsule di olio di pescea basso contenuto di istamina
Pesce in scatola (tonno, acciughe, sardine, sgombri, aringhe)ricchi di istamina
Pesce affumicato o essiccato (salmone affumicato, baccalà, aringhe salate)ricchi di istamina
Pesce marinatoricchi di istamina
Molluschi (ad esempio calamari, cozze)ricchi di istamina
Crostacei (ad esempio gamberetti, granchi, gamberi)ricchi di istamina

Seguire una dieta a basso contenuto di istamina non è facile. L’istamina è presente in molti prodotti alimentari di base e in quasi ogni piatto pronto e al ristorante. Chi non vuole rinunciare al pesce e alla pizza, pur avendo un’intolleranza all’istamina, può seguire questa ricetta: Su chefkoch.de abbiamo trovato una pizza a basso contenuto di istamina senza frumento, lievito di birra o pomodori, ma con farro, peperoni, zucchine e salmone. È importante notare che il pesce congelato deve essere scongelato solo per alcuni minuti (circa 10 minuti in acqua fredda o nel programma di sbrinamento del microonde). Se si scongela il pesce per un periodo di tempo più lungo, viene prodotta istamina. Successivamente, lavare il pesce con l’acqua, tamponare e asciugare. Non utilizzare il succo di limone per condire e non congelare di nuovo il pesce dopo lo scongelamento.

Sistemi analitici per la rilevazione di istamina

Si vuole garantire che il cibo sia sicuro per le persone affette da intolleranza all’istamina? Basta usare i nostri affidabili sistemi analitici per la rilevazione di istamina!

Recent posts

Start typing and press Enter to search