In Analiti, Bevande, Costituenti, Industrie, Laboratori di controllo, Saggi enzimatici, Tecnologie

Metodi analitici nell’industria delle bevande: controlli per la qualità, l’igiene e la sicurezza

La qualità nell’industria dei succhi e delle bevande può essere garantita mediante controllo analitico (chimico e microbiologico) lungo l’intera filiera produttiva, partendo dalla qualità della frutta in campo (varietà, condizioni colturali, stato di maturazione e metodi di raccolta e trasporto), fino al suo conferimento, e le buone pratiche di lavorazione negli stabilimenti di trasformazione.

I kit enzimatici R-Biopharm sono la soluzione completa per il monitoraggio di indici di qualità, autenticità e di contaminazione microbica quali zuccheri (D-glucosio, D-fruttosio, saccarosio) e acidi organici (acido D/L lattico, acetico, citrico, isocitrico), alcoli (etanolo) ed altri metaboliti (cloruri, solfiti), durante tutto il processo produttivo di bevande e succhi frutta. Di semplice utilizzo, perché costituiti da reagenti stabili e già in soluzione, permettono di dosare tutti questi parametri direttamente in azienda, con un semplice fotometro oppure in abbinamento ad analizzatori automatici (RIDA®CUBE SCAN e i-Magic M9).

Il controllo microbiologico fornisce invece supporto per l’individuazione della presenza nel prodotto di batteri alterativi, in particolare Alicyclobacillus acidoterrestrisAlicyclobacillus acidocaldarius, responsabili dello sviluppo di aromi sgradevoli definiti “di medicinale” o di “disinfettante”, in seguito alla produzione di composti fenolici (2-6-dibromofenolo, guaiacolo). Le tecniche colturali tradizionali prevedono tempi lunghi sia per la crescita in brodo di arricchimento o terreno agarizzato, sia per la conferma con test biochimici (almeno 10 giorni per ottenere il risultato finale). La tecnica Real Time PCR, abbinata ai kit GEN-IAL di R-Biopharm, permettono di rilevare le diverse specie di Alicyclobacillus in succhi di frutta e concentrati in meno di 3 ore compresa la preparazione del campione. Con la tecnologia Multiplex è possibile poi, con un solo kit e una sola corsa PCR, ricercare e differenziare Alicyclobacillus spp, Alicyclobacillus acidoterrestrisAlicyclobacillus acidocaldarius.

Per un approfondimento, scarica la monografia gratuita. 

[hubspot type=form portal=4832203 id=7446457c-0256-4616-9557-2e444ab8c25e]

 

Recent Posts

Start typing and press Enter to search