In Cereali, Micotossine, Saggi a flusso laterale

Le micotossine rappresentano una grande minaccia per l’agricoltura. Specialmente nei paesi in via di sviluppo, le coltivazioni sono spesso contaminate da micotossine – con conseguenze pericolose per la popolazione. La moderna tecnologia può migliorare la situazione per gli agricoltori e per i consumatori.

Gli agricoltori in Africa affrontano molte sfide: le siccità minacciano il raccolto. La mancanza di attrezzature moderne spesso comporta una riduzione dei rendimenti delle coltivazioni. Inoltre, le micotossine (prodotti metabolici tossici prodotti da muffe) sono la principale minaccia. Consumare prodotti contaminati può causare gravi malattie. Le aflatossine, che si trova principalmente in mais, arachidi e cereali come miglio e sorgo, sono particolarmente dannose. L’aflatossina è un metabolita cancerogeno, immunosoppressore, mutageno e provoca danni a reni, intestinioe fegato.

I seguenti numeri mostrano quanto sia grande il rischio:

  • Il 25% di tutte le coltivazioni alimentari in tutto il mondo sono coinvolte (fonte). L’Africa è particolarmente colpita: in Kenia, ad esempio, il 40% delle coltivazioni di mais è contaminato da aflatossina (fonte).
  • Più di 4,5 miliardi di persone nei paesi in via di sviluppo sono cronicamente esposti all’aflatossina nelle loro diete (fonte).
  • Gli esperti identificano l’aflatossina come la causa di un terzo dei casi di cancro al fegato in tutto il mondo (fonte). Il tasso di malattia è particolarmente elevato in Africa: nel Mozambico, ad esempio, il tasso di cancro al fegato è riportato fino a 60 volte superiore a quello riscontrato negli Stati Uniti (fonte).
  • Un recente studio condotto in Kenya, ha dimostrato che l’aflatossina provoca malnutrizione cronica e disabilità nello sviluppo dei bambini (fonte).
  • Le perdite annue stimate per gli esportatori alimentari africani di cereali, frutta a guscio e frutta secca non soddisfano i rigorosi standard di aflatossina in Europa che sono di 670 milioni $ (fonte).

Tuttavia, si è ancora poco consapevoli del rischio legato alle micotossine nei paesi in via di sviluppo. Molti agricoltori applicano metodi che promuovono la crescita di muffe, come l’asciugatura delle zucchine senza rimuovere le foglie o la conservazione in semplici sacchi in nylon. È importante informare gli agricoltori e gli operatori sulle invisibili micotossine nelle coltivazioni e fornire loro misure che potrebbero impedire la formazione di muffe durante lo stoccaggio e il trasporto.

Sono necessari metodi rapidi e poco costosi per l’analisi delle micotossine

Un’altra importante misura per ridurre il rischio di micotossine  è l’implementazione dei sistemi analitici per la rilevazione delle micotossine. Tuttavia, tali sistemi sono costosi e non accessibili a molti agricoltori, che sono spesso piccoli proprietari o aziende a conduzione familiare. Per questo motivo sono necessari test rapidi e di facile utilizzo. Nel 2013, la società Mobile Assay, pioniere in questo settore, ha sviluppato un’applicazione smartphone per la rilevazione delle aflatossine in collaborazione con diverse università e istituti di ricerca e finanziata dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Oggi, utilizzando l’applicazione smartphone RIDA®SMART APP di R-Biopharm, è possibile analizzare quantitativamente tutte le più rilevanti micotossine  (aflatossina, DON, zearalenone, fumonisin e T-2 HT-2) nei cereali in modo rapido e semplice. Il principio è molto semplice: dopo aver eseguito l’analisi con i test a flusso laterale, la strip viene fotografata con la fotocamera smartphone. Lo smartphone analizza l’intensità del colore della banda e visualizza direttamente il risultato del test.

Eventi

What’s new in mycotoxin analysis? Learn more at this year’s global mycotoxin workshops and events – from the World Mycotoxin Forum to the MycoKey Conference.

Hai domande?

Hai ulteriori domande sull’analisi delle micotossine? Saremo lieti di aiutarti!

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search