In Carne, Microbiologia, Real-time PCR

Sono risultati preoccupanti: una recente indagine ha rilevato che ogni secondo un pollo venduto in Germania è contaminato da Campylobacter che causa la diarrea. Ecco cosa dovresti sapere su questi batteri patogeni.

  • Quanto sono diffuse le infezioni da Campylobacter?

Le infezioni da Campylobacter sono sempre più frequenti da diversi anni. I batteri a forma di bastoncello sono considerati la causa più comune di infezioni gastrointestinali in tutto il mondo, anche prima della Salmonella. In Germania, la campilobatteriosi è la più comune malattia batterica notificabile e causa fino a 70.000 casi di malattia ogni anno. I sintomi più comuni sono mal di stomaco, grave diarrea e febbre alta e si riscontrano prevalentemente nei bambini di età inferiore ai 5 anni. La malattia viene solitamente trasmessa attraverso alimenti contaminati, in particolare attraverso pollame non sufficientemente riscaldato o ricontaminato.

  • In che modo i batteri del genere Campylobacter entrano nella carne?

I Campylobacter sono distribuiti quasi ovunque nell’ambiente e colonizzano il tratto intestinale di numerose specie animali. I polli trasportano spesso batteri Campylobacter, senza sviluppare segni clinici. Quando un pollo infetto viene macellato, i germi possono arrivare dall’intestino nella carne.

  • Qual è la situazione normativa?

In Europa, il Campylobacter è particolarmente diffuso. In Europa lo si cerca di contrastare con un “approccio integrato” in materia di sicurezza alimentare, comprese le misure preventive dagli allevamenti alla tavola. Inoltre, l’Unione Europea ha introdotto un valore limite per Campylobacter nei macelli all’inizio del 2018 (vedi EU regulation 2017/1495). Secondo questo regolamento, non più di 1.000 unità formanti colonie (CFU) possono essere rilevabili per grammo di carne. Almeno il 60% dei polli da macello testati deve rispettare questo valore limite.

  • Cosa possono fare gli allevatori di pollame contro il Campylobacter?

Il Campylobacter può entrare nella stalla tramite insetti, acari, roditori, uccelli selvatici, animali domestici e animali da fattoria, nonché tramite scarpe e vestiti dei lavoratori agricoli. Attraverso la contaminazione fecale di acqua potabile, rifiuti o mangimi, i batteri possono diffondersi molto rapidamente nella mandria. Le misure di igiene possono limitare la distribuzione. Ciò include il mantenimento della stalla in buone condizioni, la costruzione di barriere igieniche, l’implementazione del controllo dei parassiti e il trattamento dell’acqua con il cloro. Tuttavia, anche il rigoroso rispetto delle misure igieniche non può sempre prevenire le infezioni da Campylobacter. Il trattamento antibiotico dei polli infetti non è un’opzione in quanto il Campylobacter non causa sintomi di malattia nel pollame.

  • Cosa possono fare i macelli contro i Campylobacter?

Il processo di macellazione comporta sempre il rischio di contaminazione. Nel caso del pollame, un’ulteriore complicazione è che la pelle altamente contaminata non viene solitamente rimossa dal prodotto. Le possibili misure per un processo di macellazione più igienico includono, tra le altre cose, alcune tecniche di scottatura e raccolta. La pulizia e la disinfezione regolari dell’intero stabilimento sono un prerequisito fondamentale. Mentre la decontaminazione chimica è una pratica comune negli Stati Uniti, è una questione controversa nell’Unione Europea.

  • Come si può rilevare una contaminazione da Campylobacter?

Oltre alle misure igieniche, per proteggere i consumatori è necessario eseguire analisi alimentari regolari. Dal momento che i m etodi colturali richiedono fino a due settimane, i test PCR sono più adatti per la rilevazione di Campylobacter (vedi SureFast® Campylobacter PLUS).

Ulteriori domande?

Vuoi saperne di più sui batteri patogeni nella carne? I nostri esperti di microbiologia saranno lieti di aiutarti!

Recent posts

Start typing and press Enter to search

pcr-allergens